martedì 15 dicembre 2009

Scherzo di cattivo gusto, o gara per la notizia che suscita maggiori perplessità?

clipped from www.macitynet.it

Steve Jobs è tra i sette finalisti del riconoscimento "Uomo dell'anno" di Time Magazine. Il Ceo di Apple in una lista con Obama, l'oro olimpico Bolt e il presidente della Federal Reserve Bernake. L'assegnazione avverrà domani.

Dunque, vediamo.

Obama sarebbe quello lì che mentre vinceva il Nobel per la Pace mandava altri trentamila soldati a guerreggiare in Afghanistan.

Bernanke sarebbe uno di quelli che per salvare le banche dai casini fatti dalle banche stesse, hanno innescato una crisi in USA e in tutto il resto del mondo.

Steve Jobs sarebbe quello lì che vende PC cinesi molto facili a guastarsi, ma con una mela disegnata sopra.

Certamente sono tutti e tre molto abili nei loro rispettivi "mestieri".

Tra i fan di Apple ovviamente si festeggia la candidatura di Jobs... ma... scusate... secondo voi è più festeggiabile la candidatura all'ambiguo premio "Uomo dell'ano", oppure è più importante ridurre drasticamente il tasso di guasti hardware e problemi software dei prodotti Apple?!

E' più importante che il capo riceva un premio di una famosa rivista, oppure è più importante un abbassamento del (diciamo) 20% dei prezzi di listino?

18 commenti:

  1. Ma poi vorrei capire uomo dell anno in cosa ?

    E tra l'altro Jobs per problemi di salute (speriamo siano risolti) in Apple non ci stava da un pezzo.

    Che sia un premio di consolazione?

    RispondiElimina
  2. Ormai non sai più a cosa attaccarti

    RispondiElimina
  3. e tu non sai più che siti leggere :P

    RispondiElimina
  4. Uhm... vediamo... perché eleggerlo uomo dell'anno?
    Quando la apple era sull'orlo del fallimento lui subentra e lancia il mitico iMac G3 ( il computer migliore che io abbia mai avuto, nonché il primo) e salva l'azienda dal fallimento
    In 6 anni ( ovvero dal 2003, nascita di iTunes music store in poi) ha rivoluzionato il mondo della musica irrompendo con il digitale e, partendo da zero, ha reso la sua azienda leader incontrastata del settore.
    Poi c'è iPod, che dal 2001 ha rivoluzionato il nostro modo di ascoltare la musica, staccandoci dagli scomodissimi cd reader e rendendo la sua azienda leader nel settore
    Poi c'è iPhone, che ha rivoluzionato ( e almeno su questo credo che non ci possa essere nulla da obiettare) il mondo della telefonia mobile e ha reso, partendo da zero, la sua azienda leader del settore (smartphone).
    Oggi, la apple è una delle aziende di informatica più in salute e, persino in un momento di crisi, fa segnare continuamente record di vendite ed è testimone di una corsa vertiginosa in borsa ( che ce ne frega a noi dici tu, ma è un fatto))

    Forse arriva tardi, forse lo si poteva consegnare prima, certo è che dire che non c'azzecca nulla un manager che nelc orso degli anni ha letteralmente risollevato un'azienda ( ed oggi più che mai la cosa è evidente), in un momento in cui i manager sono sotto accusa per i danni che le loro decisioni hanno provocato all'economia mondiale, non è poi così assurdo, ti pare?

    poi, sulla questione affidabilità apple è enormemente peggiorata, non c'è dubbio, solo che dimentichi di dire la base da cui lei e gli altri partivano. Comprare un computer con la mela voleva dire poterci fare affidamento anche per 15 anni, oggi sono solo in linea con gli altri, nulla di più, nulla di meno

    RispondiElimina
  5. Sulla questione uomo dell'anno... Non era quest'anno che dovevano consegnarglielo, se proprio volevano darglielo. Nel bene o nel male, analizzandola in maniera obiettiva erano gli anni di introduzione dell'iPod e/o dell'iPhone quelli in cui bisognava darglielo. Quest'anno ha fatto poco, sicuramente c'erano persone più meritevoli.

    Al di là che possa essere il CEO di una azienda che calca spesso la mano con i prezzi e con la storia di una perfezione che non ha in più rispetto a tutte le altre, e al di là che negli anni '80 fosse tutto fuorché un santo ("I pirati della Silicon Valley", ma non solo quel film, docet), come uomo Jobs suscita sincera ammirazione da parte mia. Ha affrontato una malattia tosta con dignità. Il discorso del 2005 dove pronunciò la famosa frase "Stay hungry, stay foolish" è molto bello e dovrebbe essere letto al di là dei propri sentimenti su Apple, sia positivi che negativi.

    Tengo a sottolineare che qui sto analizzando Steve Jobs come uomo e non come CEO di Apple. Che poi, comunque, per come ha rialzato Apple nel bene o nel male merita i complimenti. Se anche Bill Gates glieli ha fatti, pure recentemente, significa che se li è meritati.

    Ciò non toglie che non sia l'uomo perfetto e non sia esente da critiche come alcuni lo vedono. Apple non è perfetta, Jobs nemmeno.

    Ha parlato, augh. :O

    RispondiElimina
  6. Augh.

    La "rivoluzione" di Jobs è solo nei guadagni di Apple.

    Ha rivoluzionato il modo di ascoltare la musica: cioè ha fatto in modo che uno deve sentirsi SuperFighetto se compra scemenze su iTunes Store.

    L'iPod ci ha messo anni prima di venire allo scoperto, e altri ci sono arrivati ugualmente (era l'ovvia evoluzione del walkman inventato dalla Sony).

    Poi c'è l'iPhone, l'unico telefonino esplosivo che la storia dei cellulari ricordi, l'unico telefonino monotasking nonostante i 128Mb RAM, l'unico telefonino che si ingiallisce per il calore, eccetera eccetera (robe mai viste neppure nei cloni cinesi dei telefonini economici cinesi).

    Infine, l'azienda: quanti milioni di posti di lavoro ha salvato Jobs salvando la Apple dal fallimento?

    Detto questo, ci sono molti "uomo dell'anno" che restano anonimi perché quando uno fa le cose per bene non fa notizia, ma quando uno vende articoli per superfighetti, è sempre sulle copertine dei giornali...

    RispondiElimina
  7. Come ho detto prima, parlavo del Jobs uomo e non del Jobs CEO di Apple... ;) I miei complimenti erano comunque dovuti al fatto che nel bene o nel male, e anche con l'aiuto di Microsoft nei primi anni, l'azienda l'ha risollevata. Erano complimenti oggettivi. Sul lato soggettivo, è più discutibile. Non sono quelle dell'iPod e dell'iPhone le "rivoluzioni" che contano a livello storico. Da possessore di iPod Nano (che funziona, per fortuna), sinceramente mi chiedo cosa abbia rivoluzionato l'iPod, non mi farebbe né caldo né freddo usare un altro player.

    RispondiElimina
  8. "Quando la apple era sull'orlo del fallimento lui subentra e lancia il mitico iMac G3"

    Un cesso col monitor, dotato di 2 porte usb quando non c'era un cane che produceva qualcosa con questo collegamento e quei 4 gatti in croce se li facevano pagare in lingotti a cominciare dai produttori di hub (se penso all'enorme minchiata secondo la quale avremmo dovuto collegare fino 128 dispositivi di fila ed invece si faceva stare a fatica una stampante) ed espandibile solo con memorie per notebook anch'esse ultra costose.

    "Poi c'è iPhone, che ha rivoluzionato ( e almeno su questo credo che non ci possa essere nulla da obiettare) il mondo della telefonia mobile e ha reso, partendo da zero, la sua azienda leader del settore (smartphone)."

    Ma non dire cagate. Ha rivoluzionato il modo di spillare soldi alla gente obbligandola a pagare per patchare un affare più limitato di un motorola di prima generazione.
    Ah l'unica leader del settore è ancora (e lo sarà per parecchio) nokia.

    "Oggi, la apple è una delle aziende di informatica più in salute e, persino in un momento di crisi, fa segnare continuamente record di vendite ed è testimone di una corsa vertiginosa in borsa ( che ce ne frega a noi dici tu, ma è un fatto))"

    Anche prada galoppa. Basta creare una moda e trovare un numero sufficiente di rimbambiti col portafogli gonfio.

    "Comprare un computer con la mela voleva dire poterci fare affidamento anche per 15 anni, oggi sono solo in linea con gli altri, nulla di più, nulla di meno"

    Ho assemblati di 20 anni perfettamente funzionanti, altro che i mac e comunque prova un po' a domandarti come ha fatto giobbe a risollevare l'azienda e ti accorgerai che da quando è tornato la qualità ha sempre puntato in basso. Un colpo alla volta s'è messo a produrre ferraglia da supermercato.
    Sono tutti bravi a risollevare un'azienda così.

    Giobbe non ha salvato apple, l'ha rovinata, l'ha cannibalizzata.

    RispondiElimina
  9. Urgentissimo

    Forse questa vecchia News sull ipod non la ricordi tu? http://bit.ly/7NXg3P

    Apple ha pagato solo 100m . http://bit.ly/1TtYkk

    Chi inventa? Mah?

    RispondiElimina
  10. Ed ecco un altro commento di 0verture che evidentemente non sa parlare senza usare le parole cesso, rimbambiti, cagate, minchiate ecc. E pensare che nel vocabolario italiano ci sono decine di parole che possono essere usate al posto di quelle che ho elencato e che non risultano offensive...

    RispondiElimina
  11. @Urgentissimo

    Guadagni: Già, cosa centreranno mai i guadagni di un'azienda con il giudizio sull'operato del suo CEO eh?

    iTunes: No, solo che prima la musica si comprava in cd e si comprimeva in mp3, poi qualcuno ha detto: ehi, perché non venderla direttamente così? ed ha semplicemente sbancato nel settore

    Ipod: Figuriamoci, sony aveva presentato proprio la stessa cosa... è per questo che si è fatta soffiare il mercato dall'ultima arrivata ;-)

    IPhone: Infatti, Nokia e le sue batterie sono sempre state infallibili, tanto più che cellulari completamente multitouch erano già popolari nel paleolitico, no?

    Sull'uomo dell'anno ti do ragione, chi dovrebbe veramente riceverlo non lo riceve mai, non per questo la candidatura di Jobs, per motivi già citati prima, non è uno scherzo. Poi può anche perdere, nessuno ha detto che è il migliore, sai?

    @Floo: concordo, forse ci sarebbero stati anni migliori per darglielo. Un solo appunto su quello che dici: verissimo, usare ipod o un'altro player non farebbe differenza, ma in quanti avevano un lettore mp3 prima che ipod conquistasse il mercato? Per fortuna o purtroppo, a seconda delle opinioni, se abbiamo un mp3 apple ha giocato un ruolo decisivo.

    Poi

    @Overture: Guarda, la tua completa mancanza di rispetto, oltre che totale ignoranza ed impossibilità di formulare un discorso che non esca dal retto mi rende difficile rispondere a ciò che scrivi, quindi ribatterò solo sull'iMac:

    Quando presi l'iMac G3 avevo solo due periferiche in casa, la stampante e lo scanner ( faccio notare che erano entrambe usb), quindi due porte usb andavano più che bene ( tanto più che all'epoca i windowsiani usavano per la stampante ancora la obrobriosa scsi). Era un computer compatto ( a parità di pollici più del solo schermo di un normale PC dell'epoca), perfetto per casa mia ( una soluzione tipo PC+schermo non troverebbe spazio), il mio schermo era migliore del 90% degli schermi che circolassero all'epoca ( si si, quelle patacche che vedi nelle scuole), era di una silenziosità quasi imbarazzante, anche sotto ore di lavoro ed aveva mac os 9, che ha funzionato egregiamente per 5 anni senza richiedere nessun tipo di aggiornamento ( tant'è che oggi ancora mi chiedo come facessi). Infine era bellissimo, alla faccia delle caffettiere bianco sporco che gli altri avevano in casa.
    Ma naturalmente tu avrai avuto centinaia di iMac G3 e quindi te ne intendi...

    RispondiElimina
  12. "Quando presi l'iMac G3 avevo solo due periferiche in casa, la stampante e lo scanner ( faccio notare che erano entrambe usb), quindi due porte usb andavano più che bene"

    Ho qualche dubbio che te abbia mai visto da vicino un imac perchè la tastiera era connessa guarda caso proprio con l'usb ed il mouse era l'unica periferica che rendeva giustizia al concetto di collegamento "di fila" (rapidamente corretto con la parola "a cascata" quando sono stati innondati di bestemmie dagli utenti). Se collegavi stampante e scanner (che a differenza dell'obrobriosa parallela -non scsi ignorante- faceva da ponte) mi dici come controllavi il tutto dal momento che tastiera e mouse erano scollegati ?
    Apple aveva già "inventato" il touchscreen ?

    "( si si, quelle patacche che vedi nelle scuole)"

    Mii che confronto ardito, i pc delle scuole in genere sono dei scassoni regalati da aziende che rinnovano il parco macchine. Non ho mai visto in una scuola un pc con meno di 10 anni sul groppone

    "ed aveva mac os 9"

    che crashava non appena avviavi il programma della taskbar incluso direttamente nel cd ufficiale apple.
    Il power pc dell'epoca era di qualche spanna sopra alle controparti intel e qualcuno continuava a spacciare per professionale un sistema che andava in bomba appena un programma si piantava.
    Non che i pc dell'epoca fossero meglio ma almeno nessuno cercava di farli pagare dai 5 ai 20 milioni di lire dell'epoca...

    RispondiElimina
  13. @Overture

    No, non ti preoccupare, non aveva il multitouch, aveva la tastiera con due prese usb... ( una per il mouse, indovina la seconda?). Poi, quando arrivò la seconda stampante e il lettore per gli zip, vista la collocazione laterale delle porte usb è bastato porre un'etichetta su ogni cavo ed attaccare quello che mi serviva al momento, nulla di traumatico e costo 0. ( comunque il mio iMac non era stato il bondi blue, ma era quello uscito nel 2000, con le firewire)

    è vero, nelle scuole i computer hanno 10 anni, guarda caso l'iMac G3 ne ha 11. So che è difficile da credere e sembra avanti anni luce anche rispetto a certi pc di oggi ( stilisticamente parlando), ma è così.

    appunto, all'epoca qualunque computer, mac o pc che fosse, andava in bomba se si impallava qualcosa, solo che il mac si impallava molto poco.
    Riguardo ai 5 milioni ( che poi se non erro erano circa 2,5), soldi ben spesi... e probabilmente il mio futuro computer non ne varrà altrettanti

    RispondiElimina
  14. "No, non ti preoccupare, non aveva il multitouch, aveva la tastiera con due prese usb... ( una per il mouse, indovina la seconda?). Poi, quando arrivò la seconda stampante e il lettore per gli zip, vista la collocazione laterale delle porte usb è bastato porre un'etichetta su ogni cavo ed attaccare quello che mi serviva al momento, nulla di traumatico e costo 0."

    Ahh pensa te... i miei pc sono sempre costati di meno ed ho sempre potuto permettermi di nascondere i cavi con la tranquillità che mai avrei dovuto metterci mano se non aggiungere o togliere in maniera definitiva le cose ma voi siete think different...

    "appunto, all'epoca qualunque computer, mac o pc che fosse, andava in bomba se si impallava qualcosa, solo che il mac si impallava molto poco."

    Puoi ringraziare i programmatori non apple che in vita sua non è mai stata capace di fare un sistema operativo tutta da sola.
    Prima ha tenuto in vita forzatamente uno zombi nato dalle manine di Wozniak nei primi anni 80, poi s'è fregata un kernel open source, che geni...

    RispondiElimina
  15. > verissimo, usare ipod o un'altro player non farebbe differenza, ma in quanti avevano un lettore mp3 prima che ipod conquistasse il mercato? Per fortuna o purtroppo, a seconda delle opinioni, se abbiamo un mp3 apple ha giocato un ruolo decisivo.

    Certo, indubbio che l'iPod abbia contribuito alla diffusione dei lettori MP3. Io ho solo detto che non è rivoluzionario a tal punto da essere insostituibile con un altro player, tutto qui.

    RispondiElimina
  16. @Overture

    Già i PC sono sempre costati meno ed avevano le porte usb. E la apple poi, mai stata capace di fare un OS in vita sua. Certo, per la firewire avrei dovuto aspettare che gli americani tornassero in Iraq, avrei dovuto preoccuparmi di antivirus, aggiornarlo di continuo e sorbirmi la sua presenza e la sua fame di ram e di cpu ( e già, oggi con i supercomputer che abbiamo non ce lo ricordiamo più ), avrei dovuto usare la mitica combinazione alt-control-bloc num fino a rompere la tastiera, passare le giornate a capire perché una stampante non funziona: ma tu pensa, credevo che un computer servisse a semplificare la vita :-)

    Poi certo, adesso pare che microsoft sia finalmente riuscita a fare un OS stabile, e che apple sia troppo impegnata a fare cellulari, ma francamente preferisco che si freghino un kernel open source piuttosto che dover aspettare nientepopodimeno che l'alba del 2009 per avere un computer veramente funzionale. O magari avrei potuto usare linux, che oggi mi dicono sia tanto facile ma all'epoca necessitava di una laurea in informatica, oltre che di tanto tempo da spenderci.

    Ma no, effettivamente la porta usb era molto più importante e, cosa più importante, i difetti che aveva la microsoft dipendevano dalla mia incapacità, giusto?

    RispondiElimina
  17. "ma tu pensa, credevo che un computer servisse a semplificare la vita :-)"

    Infatti passare le proprie giornate a staccare ed attaccare cavi usb era tutta salute vero ?

    "aspettare nientepopodimeno che l'alba del 2009 per avere un computer veramente funzionale"

    Bastava il 1999 con Windows 2000

    RispondiElimina
  18. Overture , perché oggi il mac è funzionale?

    RispondiElimina