lunedì 21 dicembre 2009

Una domenica fashion

Ringrazio Dottor Jim per il permesso di pubblicazione.

Ieri pomeriggio sono stato da Mediaworld per fare il regalo di Natale alla mia ragazza (smack!) quando ho visto in un angolino un tavolo con dei computer Apple in bella mostra.
C'erano due iMac da 21 e 27 pollici, quest'ultimo stranamente col vetro intero (questa è pura cattiveria :-D), più qualche MacBook in bella mostra. Inutile nasconderlo, i Mac sono belli esteticamente e, quando vedo il cassone del mio adorato PC, quasi quasi mi viene da piangere da quant'è brutto. Incuriosito mi avvicino per vedere. C'era una ragazza molto gentile e disponibile che dava informazioni e io, con grandissima faccia di culo bronzo, mi avvicino con la scusa che dovevo cambiare computer e non sapevo come orientarmi.
Parte allora come prima cosa la visione dei portatili.
Dopo un'accurata descrizione delle caratteristiche tecniche delle macchine mi mostra Snow Leopard in azione e quello che si può fare. Il touchpad dei MacBook è multitouch, con il gesto di una o più dita si possono impartire diversi comandi e ottenere quindi diverse reazioni da parte dell'OS. Fin quì tutto bene, poi arrivano i (pre)giudizi sul mondo Windows e adesso viene il bello.
Si inizia con il connettore MagSafe presente sui portatili. Alla mia domanda se alla Apple avessero finalmente risolto il problema dei connettori che prendevano fuoco la ragazza è caduta dalle nuvole e ha detto che in 13 anni che usa computer Mac anche a casa non ha mai sentito nè visto una cosa del genere, ma noi si, guarda quà:


Dà la colpa a qualche "cineseria" made in Palermo o Napoli e, noncurante della mezza figura di emmenthal, continua dritta con le spiegazioni.
E ora signore e signori miei arriva quello che per lei sembrava il colpo di grazia per farmi passare dall'altra parte della barricata: I MAC SONO SICURI PERCHÈ NON HANNO VIRUS!!! A dimostrazione della sua tesi conferma che "Si, ci sono antivirus per Mac, ma servono per non far infettare i PC con Windows. Facciamo ad esempio che un amico con Windows mandi una E-mail a me che ho Mac e questa mail contenga un virus: a me non succede nulla però se la inoltro a un'altra persona che ha un pc lui si becca l'infezione, ecco a cosa serve un antivirus per Mac, per prevenire i virus per Windows". Sarei anche tentato di crederci, dato che casi del genere possono succedere, ma forse la ciccia non sà che la sicurezza dei Mac ormai è passata e che esistono dei virus anche per quella piattaforma. Non sono tanti, è vero, ma piano piano stanno crescendo col diffondersi dei Mac. E poi non esistono solo i virus se uno vuole davvero far danni.....
Alla fine mi allontano perchè il regalo per il mio amore stava davvero rischiando di scomparire sotto le grinfie di altre arpie che l'avevano puntato (per la cronaca è una piastra per capelli Imetec Bellissima) e con un sorriso pensando a quella povera ragazza che era tanto entusiasta di mostrarmi quei computer tanto fashion e bellini e che se sapesse un pò più di cose forse eviterebbe anche certi luoghi comuni sui pc e su Windows. Ma quello è anche il suo lavoro.....

http://technolojim.blogspot.com/2009/12/una-domenica-fashion.html

Ormai alle belle parole non crede quasi più nessuno, purtroppo per loro.

Racconto anche una mia piccola esperienza...

Qualche domenica fa, invece, mi è capitato di andare all'UniEuro della mia zona a comprare il netbook.

Passo nel reparto Apple a giocherellare.

Tutti i Mac erano funzionanti... Tranne uno, bello bloccato all'accensione. Devo dire che mi ha fatto un po' di tenerezza.

Alla fine, devo dire che i Mac saranno pure carini, hanno un ottimo touchpad (il nuovo cliccabile mi piace, quando ci vuole, ci vuole) e non lo nego, ma quando si devono "inchiommare", lo fanno come tutti i PC. Inoltre, vedi un Macbook, e vedi un Vaio... Il primo non ti dà più un sapore speciale come in passato, che dicevi: "Questo sì che è veramente bello". E' diventato quasi ordinario, ormai.

La Apple che adoravo, che stimavo e che apprezzavo non è questa. Era la vera Apple innovativa, che faceva prodotti di alta qualità perché le piaceva farli (il lampadone G4 è ancora oggi un capolavoro di design, per me), e non aveva iPhone, iPod e pinzillacchere varie, ma aveva dei computer solidi, belli e affidabili che allora facevano veramente il culo ai PC con processori Intel e con Windows.

Adesso è solo un ricordo del passato, quella Apple. A cercare la massa, questi sono stati i risultati. Perdere di qualità per aumentare di quantità. Contenti i suoi utenti, contenti tutti. Nel frattempo, è un bene che vi siano voci controcorrenti, come questo blog. Non vogliamo impedire di acquistare prodotti Apple, per carità, vogliamo solo si sappia tutta la verità, e non solo quello che Apple e i suoi siti amici vogliono dirci. Nella speranza che, magari, cambi qualcosa in positivo.

16 commenti:

  1. Dott. Jim dagli il nostro link a quel venditore ;)
    E guarda che i Case strabilianti esistono anche per PC

    RispondiElimina
  2. Eh lo so, infatti lo devo cambiare e ne stò cercando uno davvero carino :-)

    RispondiElimina
  3. "(il lampadone G4 è ancora oggi un capolavoro di design, per me)"

    Design probabile ma già a quei tempi la qualità costruttiva era ben avviata allo sfacello.
    Non molto tempo fa il mio barbiere di fiducia, quarantenne ma fighetto più di un adolescente (si diverte con facebook... mah..), si vantava di averlo comprato per tenerlo in negozio e purtroppo era triste come un cane bastonato perchè tutta la plastica della base dal fighissimo bianco perla dei primi tempi s'era trasformato in un giallino strano, tranne la plastica del lettore dvd che stonando, mostrava tipo cazzotto nell'occhio il difetto.
    M'ha fatto una pena...

    Se una persona ha un minimo di cervello non può che evitare apple

    RispondiElimina
  4. Infatti ho parlato di design, non di qualità costruttiva. Il lampadone G4 purtroppo non l'ho mai avuto. Mi piacerebbe averne uno usato per modificarlo in un nettop/media center con Atom Pineview, ION2, SSD e Windows 7 (che ci terrei a fare una piattaforma moribonda come il PPC?). Peccato che il solo lampadone usato ti costa quanto un netbook nuovo, e va a finire che tra una cosa e l'altra per modificarlo hai speso l'equivalente di un PC con Core i7.

    Che tristezza però sapere che anche all'epoca di quei bei Mac c'erano già i problemi della plastica ingiallita... Allora la perdita di qualità si era avviata da molto più tempo prima di quanto pensassi...

    RispondiElimina
  5. @Floo

    Vuoi un consiglio da amico? Non sprofondare anche tu nella questione virus per mac, è una battaglia persa in partenza e ti scredita soltanto.

    Per il resto, non avendo un mac intel non posso che dedurre che la qualità generale sia nettamente inferiore al passato, fatto rimane che prima di passare a Intel non c'è n'era per nessuno e che cento workstation windows forse non facevano un mac mini ( volutamente esagerato, ma rende il concetto)

    Riguardo al lampadone puoi stare tranquillo, l'ingiallimento è solo nei neuroni di Overture. Ti potrei dire che ho due amici felici possessori di questa splendida macchina, visto che forse vuoi qualcosa di più affidabile prova solo a farti un giro su qualche sito tipo ebay e vedi quanti iMac sono diventati gialli ;-)

    RispondiElimina
  6. > Vuoi un consiglio da amico? Non sprofondare anche tu nella questione virus per mac, è una battaglia persa in partenza e ti scredita soltanto.

    Ne ho già parlato della questione. E il nocciolo non è la quantità dei virus, ma una cultura della sicurezza che su Mac è minore rispetto a quella Win. Chi usa Win è "addestrato" a combatterli, a proteggersi dai milioni di virus. Chi usa Mac molto meno, ha ancora la percezione che il pericolo non lo tocchi minimamente. Mai abbassare la guardia, invece. Pochi virus non combattuti possono fare più danni di milioni di virus ben combattuti. Poi, sta al buonsenso di ognuno. Se è presente, non li prendi né su OS X né su Windows né su qualsiasi altro sistema.

    > fatto rimane che prima di passare a Intel non c'è n'era per nessuno e che cento workstation windows forse non facevano un mac mini ( volutamente esagerato, ma rende il concetto)

    Non hai esagerato, infatti qua ho detto:

    "aveva dei computer solidi, belli e affidabili che allora facevano veramente il culo ai PC con processori Intel e con Windows."

    Chiaro riferimento ai vecchi Mac con PowerPC.

    > visto che forse vuoi qualcosa di più affidabile prova solo a farti un giro su qualche sito tipo ebay e vedi quanti iMac sono diventati gialli

    Ovvio che non si può fare di tutta l'erba un fascio. Il problema è che Apple dà una percezione di perfezione totale che non c'è. Può sempre capitare il modello sfigato, può sempre capitare il modello ingiallito. Può capitare tutto, anche perché dalla qualità si è passati a badare alla quantità. Ma vogliono far apparire tutto perfetto. Semplicemente, non è così per nessuno, tanto meno per Apple.

    RispondiElimina
  7. @Morlok

    "prima di passare a Intel non c'è n'era per nessuno e che cento workstation windows forse non facevano un mac mini ( volutamente esagerato, ma rende il concetto)"

    La frase tra le parentesi non giustifica certo l'enorme fesseria scritta prima.
    Servono dati concreti e benchmark per affermazioni del genere. Altrimenti posso raccontarvi la mia esperienza diretta con l'uso del "lampadone" ormai molti anni fa, in una parola: lento!

    RispondiElimina
  8. @Sucamilla

    Per quanto riguarda in benchmark credo basti dire che, quando apple e' passata a intel ed ha sostituito il vetusto g4 del powerbook con un nuovissimo intel core duo il g4 ( tecnologia risalente al 1999) gli dava le paste nei benchmark, fai tu...
    e comunque era anche una questione di software, mac os x all'epoca non aveva rivali, e vista o xp a confronto erano semplicemente imbarazzanti ( alla fine, fatta eccezione per i vari supporti multicore ecc... 7 e Tiger hanno features estremamente simili, e Tiger non e' uscito ieri)

    @Floo

    ma la perfezione non esiste :-)
    poi nei virus hai assolutamente ragione, se ne apparisse uno per mac farebbe una strage, solo che, a scapito degli annunci che si susseguono tutti gli anni, per il momento semplicemente non ce ne sono

    RispondiElimina
  9. @Morlok

    Visto che non hai colto in messaggio Natalizio,.........

    I power PC erano una latrina, sono sempre stati una chiavica e a cospetto dei PIII PIV ci devono sempre allacciare le scarpe.
    Ancora oggi un PV o PIII ti fa girare WIndows 7 una CANNONATA!
    Le ciofeche IBM sono state riciclate nella console Nintendo AKA WII, (e precedentemente downcolkkato nel Game Cube)

    Panther era una ciofeca fixata grazie al lavoro Microsoft, (ne abbiamo parlato in precedenza)

    Tiger è stata un altra ciofeca rispetto ad XP ancora vivo e vegeto, e quando Tiger era stato Fixato siete passati a Leopard (dalla padella alla brace)
    mentre gli user poi tra fix a catapetere trovavano un po di pace con leopard
    PATAPAM , Botta finale
    Snow Leopard + nuovi Imac ha buttato tutti a tappeto.

    Poi volete parlare? ma che volete parlare?!!!

    AUGURI

    PS qualcuno tra voi lavora in Telecom?

    RispondiElimina
  10. > ma la perfezione non esiste :-)

    Fallo capire a certa gente ;)

    > poi nei virus hai assolutamente ragione, se ne apparisse uno per mac farebbe una strage, solo che, a scapito degli annunci che si susseguono tutti gli anni, per il momento semplicemente non ce ne sono

    Beh, non è che non ce ne sono, è che per fortuna per ora sono pochissimi e per beccarli ci vuole proprio una sfida immensa. Però in futuro potrebbe non essere la stessa cosa.

    Per quanto riguarda i PowerPC... Beh, in passato ho sempre visto benchmark molto lusinghieri per i PowerPC, G4 che battevano Pentium 4 col doppio del clock. Che poi si siano persi perché IBM ha perso proprio interesse nell'architettura a livello casalingo (di fatto rimane solo nelle console; occhio che anche Cell della PS3 e Xenon della X360 sono derivati PPC), è un dato di fatto, tanto che Apple poi è passata all'x86 di Intel. Ormai il PPC è passato.

    RispondiElimina
  11. il natale ti fa male dovella

    comunque hai ragione, siamo tutti piu' buoni e, visto che evidentemente non sai nemmeno di cosa parli lasciamo stare

    solo un consiglio per i propositi di capodanno, evita di parlare di cose che non sai, o di commentare os che non hai provato ;-)

    @floo

    lo so, e che tengo a precisare che si, forse oggi mac non li vale piu' i soldi che chiede, un giorno lo scopriro'. Ma sentirmi dire che fino ad ora sono stato uno stupido solo perche' non ho comprato le mele marcie a meta' prezzo bhe, capirai...

    RispondiElimina
  12. > lo so, e che tengo a precisare che si, forse oggi mac non li vale piu' i soldi che chiede, un giorno lo scopriro'. Ma sentirmi dire che fino ad ora sono stato uno stupido solo perche' non ho comprato le mele marcie a meta' prezzo bhe, capirai... <

    Comprare un Mac non è stupidità. Ma non informarsi meglio e credere solo a ciò che dice Apple non va nemmeno bene. D'altro canto, mi pare che tu non creda a tutto ciò che dice Apple, dunque di che ti preoccupi? ;) Se sentissi più Mac users con un po' di senso critico come il tuo (che non significa solo scorgere difetti, il critico per definizione guarda anche i pregi), non ci sarebbe nemmeno bisogno di un blog del genere...

    RispondiElimina
  13. Tutti i mac successivi all'arrivo di quel venditore di patate in pullover nero sono stati delle chiaviche a livello qualitativo. La plastica cambia colore, s'ingiallisce solo quando è troppo diluita e guarda caso è lo stesso discorso con patate dei mitici cavi con magsafe che prendevano fuoco.
    Come svelato tempo fa, si preparano due partite di materiale: una perfetta che casualmente finirà sotto i microscopi degli enti per le certificazioni di qualità ed un'altra che finirà in casa degli imbecilli che si venderanno un rene credendo di avere gli stessi prodotti.
    Giobbe non ha salvato apple, l'ha rovinata, l'ha liquidata un pezzo alla volta.

    RispondiElimina
  14. "Comprare un Mac non è stupidità."

    Comprare un mac dopo che si sanno certe cose è ben oltre il limite della stupidità

    RispondiElimina